1. Prima dell’Inglese

 1.1    Le Lingue Indo-europee

La lingua Inglese, così come la maggior parte delle lingue europee, vede le sue origini nei popoli del periodo Neolitico (tarda Età della Pietra), conosciuti con il nome di Indo-europei o Proto Indo-europei. Essi vivevano nell’Europa dell’Est e nel centro Asia da dopo il 5000 a.C. circa, diverse ipotesi suggeriscono tuttavia diversi periodi, tra il VII e il III millennio a.C.

Non sappiamo esattamente come fosse la lingua degli Indo-europei, poiché nessuno scritto ci è pervenuto. I primissimi esempio di scrittura compaiono solo nel 3000 a.C., dalle popolazioni Sumere. Usando il ‘metodo comparativo’, tuttavia, i linguisti moderni sono stati in grado di ricostruire, anche se solo parzialmente, la lingua originale da elementi comuni tratti dalle lingue figlie. Da molti studiosi è ritenuto che la lingua più vicina all’antico Indo-europeo sia il moderno lituano.

L’Indo-europeo è una proto-lingua ed è solo una delle famiglie linguistiche dalle quali sono derivate tutte le moderne lingue. Nonostante ciò l’Indo-europeo è la famiglia più grande e conta le lingue di quasi la metà della popolazione moderna del mondo, includendo le lingue europee, nord e sud americane, australo-asiatiche, iraniane e molte sud asiatiche. In Europa solo il basco, il finnico, l’estone, l’ungherese, il turco e alcune altre lingue minori russe non appartengono al ramo indo-europeo.

1

1.2    L’Espansione delle Lingue Indo-europee

Tra il 3500 e il 2500 a.C. le popolazioni Indo-europee cominciarono a espandersi su tutto il continente europeo ed in Asia in cerca di nuovi pascoli e territori per la caccia e in questo modo le loro lingue poterono svilupparsi autonomamente. Già attorno al 1000 a.C., infatti, l’originale Indo-europeo si era suddiviso in una dozzina di gruppi di lingue, chiamate famiglie, le quali potevano contare:

Nel contempo, diversi altri gruppi (come l’Anatolico) si estinsero completamente, lasciando pochissime tracce.

Queste grandi famiglie si divisero nel tempo fino a differenziarsi e contare un gran numero di lingue. Quindi, per quanto sia bizzarro, lingue così diverse tra loro come il Gaelico, il Greco, il Farsi o il Singalese, hanno tutte la stessa origine. L’antica appartenenza di queste lingue ad un’unica famiglia si può notare con l’esistenza di parole affini in lingue diverse. Il merito del riconoscimento di discendenza comune tra le lingue è da attribuirsi al linguista amatoriale Sir William Jones nel 1786. Si riportano alcuni esempi:

2

1.3    Germanico

Il ramo Indo-europeo da cui la lingua inglese è derivata è il Germanico. Altri due rami importanti sono quello Greco-ellenico e Italico-latino, che diedero vita alle lingue romanze. Il gruppo di lingue Germanico, o Proto-Germanico, trova la sua origine tra le regioni racchiuse dal fiume Elba nell’attuale Germania e nella Svezia del Sud all’incirca 3000 anni fa.

Jacob Grimm (conosciuto per la raccolta di fiabe e per la sua rispettabile carriera da filologo) notò che, col tempo, alcune consonanti nelle famiglie Germaniche slittarono dalla loro base Indo-europea. Perciò, parole germaniche come l’Inglese foot, il Frisiano Occidentale foet, il Danese fod, lo Svedese fot ecc., sono di fatto legate al Latino ped, il Lituano peda, il Sanscrito pada ecc., causate dallo slittamento dalla p alla f (a), dalla d alla t (b), dalla k o c alla h (c), dalla t alla th (d), ecc.  Questo spiega anche l’esistenza di molte parole dalla radice apparente diversa come:

3

Lo stesso gruppo germanico si divise quando le popolazioni incominciarono a espandersi in tutto il continente formando così tre parti: il gruppo Germanico del Nord, dell’Est e dell’Ovest.

L’Inglese appartiene a quest’ultimo potendo così affermare che:

L’INGLESE APPARTIENE AL RAMO GERMANICO DELL’OVEST DELLA FAMIGLIA LINGUISTICA INDO-EUROPEA.

1.4    I Celti

Molto poco ci è rimasto riguardo ai primi abitanti cacciatori-raccoglitori delle isole britanniche prima che essi furono tagliati fuori dal resto dell’Europa (attorno al 5000-6000 a.C., periodo dell’Ultima Glaciazione). E anche molto poco ci rimane a riguardo delle antiche popolazioni che si insediarono nell’isola attorno al 2500 a.C. (i cosiddetti Beaker People) e che furono probabilmente responsabili di antichi monumenti come Stonehenge.

Le più antiche popolazioni riguardo alle quali si sa praticamente tutto sono i Celti (dal Greco ‘keltoi’ che significa ‘barbaro’), chiamati anche ‘Britannici’ (in inglese Britons). Questi si stabilirono nell’area attorno al 1000 a.C. Verso il 300 a.C. le popolazioni celtiche divennero il più esteso ramo Indo-europeo dell’Età della Pietra, insediandosi in quelle che al giorno d’oggi sono la Spagna, Italia, Francia, Germania, Austria, nei Balcani e nell’Europa dell’Est, e ovviamente in Gran Bretagna.

Nell’isola però non furono gli unici colonizzatori, infatti, al nord (in quella che potremmo definire Scozia), popolazioni probabilmente neanche Indo-europee, delle quali sappiamo poco nulla, abitavano quei territori montani e collinosi, erano i Pitti (in inglese Picts). Le popolazioni pitte scomparvero attorno al IX secolo d.C. quando cominciò l’invasione vichinga, e i rimanenti Pitti si unirono agli Scozi (in inglese Scots).

3

1.5    I Romani

I Romani conoscevano l’isola già dal 55 a.C. sotto la guida di Giulio Cesare, ma l’ effettiva conquista avvenne 43 d.C., quando l’Imperatore Claudio mandò alcune truppe. Malgrado alcune rivolte da parte delle popolazioni celte (come la famosa guidata da ‘Queen Boudicca’, o ‘Boadicea’ nel 61), si instaurò un clima abbastanza calmo tra i due popoli. La Britannia rimase parte dell’Impero Romano per quasi 400 anni, tuttavia i Romani non riuscirono mai a penetrare nelle collinose regioni del Galles e della Scozia.

4

Il Latino non rimpiazzò la lingua celtica poichè il suo uso rimase popolare solamente tra i membri delle classi sociali più elevate e dagli abitanti delle cities e delle towns, oltre che ai membri del clero.

Nel 410 i Romani cominciarono la ritirata dall’isola (che si ultimò nel 436) per combattere contro truppe barbare di Visigoti, Ostrogoti e Vandali.


 

IMPORTANTE: Si ricorda che il materiale su questo sito è tutelato da Copyright EnglishPortal.it e pertanto per qualunque uso esterno è necessario contattare lo Staff seguendo le indicazioni nella pagina ‘Contatti / Contacts’. Grazie

IMPORTANT: The material displayed on this website is under Copyright EnglishPortal.it and for this reason for any external use of it the Staff team must be contacted first. You may find further details on ‘Contatti / Contacts’ page. Thank You